FILTRO AD ACQUA PER ABBATTIMENTO POLVERI SOTTILI  IN ACCIAIO INOX AISI 304L SP.MM.2

Abbattitore di fumi ad acqua: cos’è e come funziona

 

L’abbattitore di fumi ad acqua è uno strumento indispensabile per chiunque abbia un camino, dei forni a legna o una stufa. Serve a risolvere il problema della fuliggine e dei fumi inquinanti che vengono emessi dalla combustione. Aiuta a rendere l’aria meno inquinata dalle polveri sottili che vengono prodotte dalla caldaia o dai caminetti. I vantaggi sono diversi e notevoli.

 

Cos’è un abbattitore di fumi ad acqua

 

Gli abbattitori di fuliggine sono dispositivi con sistema ad acqua che riescono a neutralizzare il 98% delle particelle di carbonio e ad eliminare fino al 50% degli odori che vengono emanati con la combustione. Il tutto avviene in automatico tramite utilizzo di energia elettrica.

Sono composti da un corpo fatto in acciaio inox che contiene al suo interno una torre di lavaggio con augelli spruzzatori. È presente anche un motore trifase e dei raccordi che servono ad alimentare l’acqua pulita e scaricare quella sporca. L’aria meno inquinata si ottiene con l’utilizzo di sistemi che lavando i gas di scarico, abbattono le polveri sottili favorendo un recupero termico prezioso che migliora lo stato di salute e permette anche di risparmiare denaro.

Il filtro ad acqua per l’abbattimento delle polveri sottili LT.20 ha uno scambiatore acqua-acqua D.3/4”f, uno scarico di acqua mista a polvere carboniosa, un indicatore di livello troppo pieno e di carico acqua. È anche corredato di scambio per recupero parziale della temperatura di gas di scarico in fase di lavaggio, più uno scambiatore a doppia camera per il recupero della temperatura in fase di uscita dal filtro dei gas di scarico. La piastra superiore è in acciaio al carbonio e la temperatura massima dei gas di scarico in entrata è di 250°. Su richiesta si può ottenere il filtro di volume maggiore per caldaie di potenza oltre i Kw 150.

 

Come funziona un abbattitore di fumi ad acqua

 

Gli abbattitori di fuliggine funzionano ad acqua. I combustibili sprigionano dei fumi che vengono raccolti nella torre di lavaggio, dove vengono spruzzati dagli ugelli con acqua ad alta pressione. Le particelle di carbonio diventano più pesanti, perdendo così la spinta che gli permetterebbe di risalire dalla canna fumaria. Ricadono nella vasca del depuratore e infine, finiscono nelle acque di scarico. L’unica cosa che rimane è il fumo filtrato, liberato da tutti gli agenti inquinanti. Quando esce dalla canna fumaria è pulito e praticamente inodore. L’acqua utilizzata per questa operazione è quella che deriva dal riciclo, il consumo giornaliero è molto basso e la potenza elettrica utilizzata si aggira intorno ai 0,75 Kw.

Una cosa a cui bisogna fare attenzione prima di installare un abbattitore di fumi ad acqua, è la dimensione della canna fumaria. Insieme a questo, anche la portata d’aria dell’apparecchio di combustione è fondamentale da non sottovalutare. Ogni depuratore infatti, deve avere una portata uguale o maggiore della portata d’aria del forno, della caldaia o del camino. È importante anche che sia di un materiale certificato, che consenta di sopportare alte temperature con uno spessore di almeno 15/10.

 

Perché un abbattitore di fumi è così importante

 

Un abbattitore di fuliggine serve ad aumentare la resa termica, migliorare la qualità dell’aria e mette in sicurezza il camino. Utilissimo a mantenere nel tempo ben funzionante il sistema di riscaldamento. È anche possibile raddoppiare la capacità di tiraggio con un abbattitore.

Questo strumento è fondamentale perché va ad eliminare la causa principale di danni e di ostruzione delle canne fumarie. La fuliggine è quella polvere nera che viene emessa durante la combustione, si tratta di particelle di carbonio che si vanno a depositare sulle pareti dei condotti fumari provocando un alto rischio di incendi e scoppi. Chi dispone di un camino a camera aperta infatti, noterà che può capitare che i fumi ritornano indietro, non riuscendo a raggiungere l’uscita, andando ad invadere la zona di fuoco e, di conseguenza, l’ambiente all’interno.

 

Come si installa un abbattitore di fuliggine

 

Sono diversi i luoghi dove è possibile installare un abbattitore di fuliggine: all’interno di edifici, sopra o lateralmente al forno, alla caldaia, al camino o alla stufa. In mezzo al tragitto della canna fumaria del sistema di riscaldamento, a patto che non la ostruisca, o all’esterno dell’edificio, su un terrazzo, balcone o tetto.

Se viene installato all’uscita dei fumi, è necessario che questo appoggi su una base in muratura e abbia una copertura. Il depuratore va poi collegato alla canna fumaria attraverso l’uso di tubi fatti di acciaio inox, a tenuta stagna, che evitano la formazione di condensa. L’impianto a terra deve obbligatoriamente avere integrato il sistema di messa a terra ed è consigliato che sia collegato ad un salvavita. Questo è fondamentale affinché, l’installazione prima e il funzionamento dopo, avvengano in totale sicurezza. Il rubinetto ausiliario va installato in un punto di facile accesso, per rendere accessibile e ottimale l’allacciamento al sistema idrico. Bisogna anche effettuare il collegamento al tubo di scarico della fognatura, prestando attenzione a posizionarlo con la giusta pendenza. In questo modo si impedirà l’accumulo di materiale che provocherebbe l’intasamento delle tubature.

Quando scegliete un abbattitore di fumi ad acqua, prestate attenzione al prodotto, assicurandovi che questo abbia il certificato IMQ che dà la giusta garanzia al compratore.